Archivio for novembre 9th, 2017

È iniziato il processo a carico di Fabio Vettorel, attivista italiano in carcere da 4 mesi. Fabio era tra le decine di manifestanti arrestati durante le manifestazioni #NoG20 ad #Hamburg.

È iniziato il processo a carico di Fabio Vettorel, attivista italiano in carcere da 4 mesi. Fabio era tra le decine di manifestanti arrestati durante le manifestazioni #NoG20 ad #Hamburg.

Fonte: https://www.facebook.com/ilsalto.net/posts/1508016899290845

È iniziato il processo a carico di Fabio Vettorel, attivista italiano in carcere da 4 mesi. Fabio era tra le decine di manifestanti arrestati durante le manifestazioni #NoG20 ad #Hamburg.
Riportiamo integralmente la sua dichiarazione rilasciata in aula. Una dichiarazione da leggere tutta di un fiato.
——————————————————————————————————————————————
«Signora giudice, signori giudici popolari, signora procuratrice, signor assistente del tribunale per i minori,
Voi oggi siete chiamati a giudicare un uomo. Lo avete chiamato “aggressivo criminale” e “irrispettoso della dignità umana”. Personalmente non mi curo degli appellativi che mi attribuite. Io sono solo un ragazzo di buona volontà.
Prima di tutto vorrei dire che probabilmente i signori politicanti, i signori commissari di polizia e i signori magistrati pensano che incarcerando e arrestando qualche ragazzetto si possa fermare il dissenso nelle strade. Probabilmente lor signori pensano che le prigioni bastino a spegnere le voci ribelli che dovunque si alzano. Probabilmente lor signori pensano che la repressione fermerà la nostra sete di libertà. La nostra volontà di costruire un mondo migliore.
Ebbene, essi si illudono. Ed è la storia che dà loro torto.
Perché innumerevoli ragazzi e ragazze come me sono passati per un tribunale come questo.
Infatti oggi è Amburgo, ieri era Genova, prima ancora era Seattle.
Voi cercate di arginare le voci di rivolta che ovunque si alzano con ogni mezzo “legale”, con ogni mezzo “procedurale”.
Comunque sia, qualunque sarà la decisione di questo tribunale, essa non inciderà sulla nostra protesta. Ancora tanti ragazzi e tante ragazze, mossi dai medesimi ideali, scenderanno nelle strade d’Europa. Incuranti delle prigioni che con tanto affanno vi sforzate di riempire di detenuti politici.
Ma veniamo al dunque, signora giudice, signori giudici popolari, signora procuratrice, signor assistente del tribunale per i minori.
Veniamo al dunque.
Come potrete immaginare io oggi voglio avvalermi del mio diritto di non rilasciare dichiarazioni in merito allo specifico fatto di cui sono imputato. Tuttavia vorrei porre l’attenzione su quali siano le motivazioni che spingono un giovane operaio originario di una remota cittadina delle Prealpi orientali a venire ad Amburgo.
Per manifestare il proprio dissenso contro il vertice del G-20.
G-20. Solo il nome ha in sé qualcosa di perverso.
Venti tra uomini e donne esponenti dei venti paesi più ricchi e industrializzati del globo si siedono attorno a un tavolo. Si siedono tutti insieme per decidere il nostro futuro. Sì, ho detto bene: il nostro. Il mio, come quello di tutte le persone sedute in questa stanza oggi, come quello di altre 7 miliardi di persone che abitano questa bella Terra.
Venti uomini decidono della nostra vita e della nostra morte.
Ovviamente a questo grazioso banchetto la popolazione non è invitata. Noi non siamo che lo stupido gregge dei potenti della Terra. Succubi spettatori di questo teatro dove un pugno di uomini tengono in mano un’umanità intera.
Io, signora giudice, ho pensato molto prima di venire ad Amburgo.
Ho pensato al signor Trump e ai suoi Stati Uniti d’America che sotto la bandiera della democrazia e della libertà si ergono poliziotti del mondo intero. Ho pensato ai tanti conflitti accesi dal gigante americano in ogni angolo del pianeta. Dal Medio Oriente all’Africa. Tutti per accaparrarsi il controllo di questa o quella risorsa energetica. Poco importa se poi a morire siano sempre i soliti: civili, donne e bambini.
Ho pensato anche al signor Putin. Nuovo zar di Russia. Che nel suo paese viola sistematicamente i diritti umani e si fa beffe di qualunque opposizione.
Ho pensato ai Sauditi e ai loro regimi fondati sul terrore, con cui noi occidentali facciamo affari d’oro.
Ho pensato a Erdogan che tortura, uccide, imprigiona i suoi oppositori.
Ho pensato anche al mio paese, dove a colpi di decreti legge ogni governo cancella senza tregua i diritti di studenti e lavoratori.
Insomma, eccoli qui i protagonisti del sontuoso banchetto che si è tenuto ad Amburgo lo scorso luglio. I più grandi guerrafondai e assassini che il mondo contemporaneo conosca.
Prima di venire ad Amburgo ho pensato anche all’iniquità che flagella oggi il pianeta. Mi sembra quasi scontato infatti ribadire che l’1 % della popolazione più ricca del mondo detiene la stessa ricchezza del 99% più povero. Mi sembra quasi scontato ribadire che gli 85 uomini più ricchi del mondo detengono la stessa ricchezza del 50% della popolazione mondiale più povera. 85 uomini contro 3 miliardi e mezzo.
Queste poche cifre bastano a rendere l’idea.
E poi, signora giudice, signori giudici popolari, signora procuratrice, signor assistente del tribunale per i minori, prima di venire ad Amburgo ho pensato alla mia terra: a Feltre. Il luogo dove sono nato, dove sono cresciuto e dove voglio vivere. La cittadella medioevale è incastonata come una gemma nelle Prealpi orientali. Ho pensato alle montagne che al tramonto si tingono di rosa. Ai bellissimi paesaggi che ho la fortuna di vedere dalla finestra di casa. Alla bellezza che travolge questo luogo.
Poi ho pensato ai fiumi della mia bella valle violentati dai tanti imprenditori che vogliono le concessioni per costruire centrali idroelettriche. Incuranti dei danni alla popolazione e all’ecosistema.
Ho pensato alle montagne colpite dal turismo di massa o diventate luogo di lugubri esercitazioni militari.
Ho pensato al bellissimo posto dove vivo che sta venendo svenduto ad affaristi senza scrupoli. Esattamente come tante altre valli in ogni angolo del pianeta. Dove la bellezza viene distrutta nel nome del progresso.
Sulla scia di tutti questi pensieri ho deciso dunque di venire ad Amburgo a manifestare. Per me venire qui è stato prima un dovere che un diritto.
Ho ritenuto giusto oppormi a queste scellerate politiche che stanno spingendo il mondo verso il baratro.
Ho ritenuto giusto battermi perché qualcosa sia almeno un po’ più umano, dignitoso, equo.
Ho ritenuto giusto scendere in piazza per ribadire che la popolazione non è un gregge, e nelle scelte essa deve essere interpellata.
La scelta di venire ad Amburgo è stata una scelta di parte. La scelta di stare dalla parte di chi chiede diritti e contro chi li vuole togliere. La scelta di stare dalla parte di tutti gli oppressi del mondo e contro gli oppressori. La scelta di combattere i potenti grandi e piccoli che usano il mondo come fosse un loro gioco. Incuranti che poi a farne le spese sia sempre la popolazione.
Ho fatto la mia scelta e non ho paura se ci sarà un prezzo da pagare ingiustamente.
Tuttavia c’è anche un’altra cosa che voglio dirvi, che voi mi crediate o meno: a me la violenza non piace. Però ho degli ideali e per questi ho deciso di battermi.
Non ho finito.
In un’epoca storica in cui dovunque nel mondo si alzano nuove frontiere, si stende nuovo filo spinato, si alzano nuovi muri dalle Alpi al Mediterraneo, trovo meraviglioso che migliaia di ragazzi da ogni parte d’Europa siano disposti a scendere insieme nelle strade di un’unica città, per il proprio futuro. Contro ogni confine. Con l’unico comune intento di rendere il mondo un posto migliore di come l’abbiamo trovato.
Perché signora giudice, signori giudici popolari, signora procuratrice, signor assistente del tribunale per i minori, perché noi non siamo il gregge di venti signorotti. Siamo donne e uomini che vogliono avere il diritto di disporre delle proprie vite.
E per questo combattiamo e combatteremo».

Bocciata la mozione Abbà che chiedeva di bocciare i nuovi limiti agli idrocarburi Fanghi, Mortara non farà ricorso

Bocciata la mozione Abbà che chiedeva di bocciare i nuovi limiti agli idrocarburi Fanghi, Mortara non farà ricorso

DALLA PROVINCIA PAVESE DI OGGI:

Bocciata la mozione Abbà che chiedeva di bocciare i nuovi limiti agli idrocarburi Fanghi, Mortara non farà ricorso

MORTARA

La maggioranza boccia la mozione che chiedeva di ricorrere al Tar contro la delibera regionale che ha aumentato a 10mila milligrammi per chilogrammo il limite di idrocarburi presenti nei fanghi per l’agricoltura. La seduta del consiglio comunale dell’altra sera, in cui erano assenti per la Lega il sindaco Marco Facchinotti e Silvia Piani, è stata movimentata.
Gli animi si sono surriscaldati quando Giuseppe Abbà (Rifondazione comunista) ha presentato la mozione sul limite di idrocarburi presenti nei fanghi. «Ho chiesto – spiega Abbà – perché Mortara non ha partecipato al ricorso contro la Regione sul tema dell’innalzamento della soglia di idrocarburi ricordando che la normativa nazionale fissa questo limite a 50 milligrammi».
La maggioranza composta dalla Lega Nord e dalla civica “Viviamo Mortara” ha risposto che la mozione non era discutibile per via di un errore nell’unità di misura e così Abba ha chiesto di cambiare unità.

abba
«A quel punto – prosegue Abbà – la maggioranza ha scelto di presentare una serie di emendamenti, ma in questo modo si sarebbe stravolto il senso della mia mozione».

Alla fine la mozione è stata bocciata da Chiara Merlin, Daniele Bianchi, Laura Mazzini, Sergio Santini, Alberto Gregotti, Rachele Buttazzoni e Alberto Capra (Lega) e Michele Mazzitello (Viviamo Mortara).
Hanno votato a favore Abbà, Laura Gardella (Viviamo Mortara), Marco Barbieri (Pd), Daniela Bio e Fabrizio Giannelli (Forza Italia) e Paola Amedea Savini (civiche “Savini sindaco”).

«Ho fatto presente – conclude Abbà – che non ci sarebbe stato nulla di male a ricorrere contro la Regione, governata dalla Lega: così la maggioranza appare a favore dei fanghi».

Per Barbieri la maggioranza «ha dimostrato di non voler aprire su temi sensibili solo perché affrontati dalla minoranza, marcando una separazione tra maggioranza e opposizione: non c’è stata la volontà di confrontarsi».

Umberto De Agostino

ACERBO (PRC/SE): «Sinistra: non consegniamo il Brancaccio a D’Alema e Bersani»

ACERBO (PRC/SE): «Sinistra: non consegniamo il Brancaccio a D’Alema e Bersani»

08/11/2017

Comunicato stampa

ACERBO (PRC/SE): «Sinistra: non consegniamo il Brancaccio a D’Alema e Bersani»

Il documento condiviso da MDP, Possibile e SI non ci pare prefigurare quella sinistra nuova e radicale che si era auspicata nelle assemblee del Brancaccio.
Non lo è sul piano programmatico, non lo è sul piano del profilo politico e nemmeno su quello del rinnovamento.
Non c’è tra gli obiettivi nemmeno l’abolizione della legge Fornero!
Non c’è scritto che non ci saranno alleanze col Pd dopo le elezioni.
Non c’era bisogno di scomodare migliaia di persone in decine e decine di assemblee per fare una lista tra MDP, possibile e Si.
Per quanto riguarda Rifondazione Comunista non vi sono nel documento che circola condizioni per una nostra convergenza. Se volevamo contrattare qualche seggio in una lista con la vecchia leadership del centrosinistra telefonavamo a D’Alema e Bersani. Non siamo parlamentari ossessionati dalla rielezione e abbiamo la consapevolezza che senza rottura con un fallimentare passato di pseudoriforme antipopolari e comportamenti cinici non si ricostruisce una sinistra popolare.
Ci interessa un processo che motivi all’impegno e al voto i tanti elettori di sinistra che si sono rivolti al M5S o verso l’astensionismo.
Consegnare il Brancaccio a Bersani e D’Alema non ne riconquisterà nemmeno uno ma di certo fara’ allontanare proprio quel poco di sinistra sociale che in questi anni ha contrastato il neoliberismo e difeso diritti e beni comuni.
Confidiamo che dall’assemblea nazionale del Brancaccio del 18 novembre emergano contenuti e regole all’altezza degli obiettivi che ci si era dati: chi ha governato negli ultimi 25 anni faccia un passo indietro, il programma sia di radicale rottura col neoliberismo a partire dalla cancellazione dello stillicidio di leggi che hanno distrutto i diritti di chi lavora e dalla disobbedienza ai trattati europei che contrastano con la nostra Costituzione.

Maurizio Acerbo, segretario nazionale PRC-Se