ANCORA UNA STRAGE DI BRACCIANTI NEL FOGGIANO: IERI ALTRI 4 MORTI. OGGI ASSEMBLEA AL GHETTO DI RIGNANO

Fonte: Potere al Popolo

Un’altra giornata di duro lavoro nei campi, sotto il sole di agosto, senza riposo, per pochi euro al giorno. Poi, stremati, si sale su un furgone per trasporto merci per andare a farsi qualche ora di sonno in ripari di fortuna. Ma ieri non è andata così “bene”. Il furgone su cui viaggiavano ha avuto un incidente, si è scontrato con un tir che trasportava proprio i pomodori raccolti nei campi del foggiano: 4 braccianti sono morti, 2 sono in rianimazione, altri 4 gravemente feriti.

Tutti sanno, ma nessuno fa niente. Perché lo sfruttamento estremo di migliaia di braccianti è il presupposto su cui grandi multinazionali del cibo e del commercio fanno enormi profitti.
Come ha detto Aboubakar Soumahoro, “Vogliamo sapere le posizioni di ciascuna delle vittime dal punto di vista contrattuale, previdenziale ed assicurativo. Vogliamo sapere chi li aveva assoldati, in quale azienda e in cambio di che tipo di contratto.”

Per questo STASERA ALLE 17 USB ha chiamato un’assemblea pubblica a Torretta Antonacci (ex ghetto Rignano, San Severo, Foggia) per lanciare una mobilitazione per diritti e dignità, contro il caporalato, perché non ci siano più vittime del lavoro.

Come Potere al Popolo – Pavia esprimiamo la nostra vicinanza ai parenti e agli amici delle vittime e ai braccianti ricoverati.