Per leggere il nostro statuto clicca qui
Se vuoi contattarci o impegnarti con noi, vieni a trovarci presso la nostra sede, oppure compila il form nella sezione “Contatti” o scrivici una mail a: rifondazionevigevano@gmail.com.
Abbiamo bisogno anche del tuo aiuto!
Il nostro Circolo è stato intitolato il 20 aprile 2013 a Hugo Chavez Frias.

Ecco qui di seguito una scheda informativa sul presidente Chavez scritta da Giorgio Riolo, della Rete delle Alternative, che ringraziamo per il prezioso contributo.

HUGO CHAVEZ FRIAS, PROTAGONISTA NELLA STORIA DEI POPOLI

Poche personalità nella storia hanno avuto la capacità, quasi istintiva, della sintonia con il sentire del proprio popolo. Hugo Chavez Frias è stato tra queste. Nato nel 1954 a Sabaneta, nel Venezuela occidentale, da famiglia povera ha potuto studiare solo per mezzo della carriera militare. Come è stato per molti esponenti militari dei movimenti di liberazione nazionale delle periferie del mondo.

Nel 1982 promuove con altri ufficiali di grado inferiore il Movimento Bolivariano Rivoluzionario (Mbr), scorgendo in Simon Bolivar il punto di riferimento obbligato per il riscatto dei popoli dell’America Latina, non solo del Venezuela. Con Bolivar, la sua profonda formazione intellettuale e morale si alimentò con il Gesù Cristo dei Vangeli, con Marx, con Rousseau, con Lenin, con Rosa Luxemburg, con la Teologia della Liberazione, con il Che, con Fidel Castro ecc.

Nel 1992 tentò con altri giovani militari un colpo di stato, poi fallito, per deporre il corrotto governo in carica. Trascorse due anni in carcere leggendo molto e riflettendo molto sulla giusta via da seguire in Venezuela. Fu eletto per la prima volta presidente nelle elezioni del 1998 e ripetutamente confermato in altre elezioni successive, malgrado le manovre sovversive degli Stati Uniti e delle oligarchie venezuelane. Oligarchie di origine creola le quali uniscono al consueto odio di classe un aperto odio razziale, essendo Chavez un meticcio diventato presidente. Un orrore per le classi dominanti eredi del colonialismo e del genocidio indio della conquista. Le manovre giunsero fino all’aperto colpo di stato del 2002, fallito per l’enorme mobilitazione popolare a favore di Chavez.

La via imboccata dal governo venezuelano e da Hugo Chavez fin dal primo mandato è detta “processo bolivariano”, precisatosi poi in “socialismo del XXI secolo”. È una via apertamente socialista, antimperialista, terzomondista, popolare, per la giustizia sociale, per l’eguaglianza, per la cancellazione della povertà. Tutto questo nella visione delle alleanze regionali per il riscatto dell’intera America Latina. A partire dal Venezuela, dal 2000 in avanti cambiamenti politici e sociali si verificarono in Brasile, in Paraguay, Cile, Ecuador, Bolivia ecc. Rendendo la nozione di “socialismo del XXI secolo” una nozione continentale. La quale oggi subisce la controffensiva imperialista Usa e delle classi dominanti, anche a causa della grave crisi economica mondiale.

Negli ultimi anni di vita il presidente Chavez ha lottato da par suo per sconfiggere un tumore che lo ha costretto a subire vari interventi chirurgici e varie pesanti terapie. È scomparso, rimpianto dal suo amato popolo venezuelano e dai movimenti popolari intorno al mondo, nel marzo 2013 a soli 58 anni d’età.

img

UNISCITI A NOI!

 

“Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente”

 

(Karl Marx)